Paul Kalkbrenner, indiscussa superstar mondiale della techno, torna oggi (venerdì 5 giugno) con “Speak Up” (Sony Music) la sua prima release del 2020.

Un EP composto da quattro tracce, le prime dopo il suo ultimo singolo “No Goodbye”, uscito a fine luglio 2019; una traccia quest’ultima capace di raggiungere oltre 15 milioni di stream su Spotify. Con oltre 2 milioni e 300mila fan su Facebook, 1 milione e 800mila ascoltatori su Spotify e più di 270 milioni di stream in totale, Paul Kalkbrenner è pronto per una nuova release destinata a diventare un successo planetario, soprattutto in un momento storico come questo, nel quale tutti noi abbiamo bisogno di lasciarci andare e ballare.

Paul Kalkbrenner si è trasferito a Berlino Est subito dopo la caduta del muro, proprio quando la techno arrivò in città. Oltre vent’anni di carriera, arte e musica dedicati ad un genere nato a Detroit e che con il tempo è diventato un fenomeno culturale mondiale. La techno di Paul Kalkbrenner lo ha portato a riempire stadi e a raggiungere i vertici di ogni classifica; con “Speak Up” il produttore tedesco torna alle sue origini, alle atmosfere da rave, alla musica che si ascolta e si balla quando è tarda notte ed il buio è più profondo.

L’EP si apre con “Laser In”, caratterizzato da possenti batterie e da un sound vibrante e distorto che accompagnano l’intera traccia. Un brano persino punk, l’esatto opposto di “Eyes Open”, nel quale spiccano synth scuri, caldi, imponenti e melodie avvolgenti e profonde.  

“Check Yourself’ è techno allo stato puro: percussiva, frenetica, immensa. Musica incentrata sul kick and drum e concepita per scuotere le dancefloor. L’EP si conclude con “Speak Up”, paradigma perfetto e magistrale di che cosa Paul Kalbrenner sia capace di fare quando lavora con le voci. La traccia è semplice, essenziale, bellissima, emozionante, dominata dalla melodia e allo stesso tempo prodotta con un approccio minimale.

L’EP “Speak Up” è disponibile da venerdì 5 giugno 2020 in formato digitale.

 


Rispondi